Andata. Il primo dibattito presidenziale è stato divertente (sic), spesso teso e caratterizzato da pattern comunicazionali molto evidenti.
E se non posso assegnare vittorie o sconfitte, perché dubito che un consulente politico italiano possa ragionare come un minatore dell’Appalachia, posso tuttavia avanzare alcune considerazioni tecniche.
Pertanto, proprio qui sotto, ho raccolto e commentato qualche scambio verbale tanto divertente, quanto rappresentativo del taglio strategico adottato dai due candidati.
Continua la lettura